Mostra contenuti secondari Nascondi contenuti secondari

Vivo d’Orcia è un paese formato da una manciata di case, sparse nei bellissimi boschi del Monte Amiata, a 900 metri di altitudine. 

 

Non ci sono monumenti importanti ad eccezione del Palazzo dei conti Cervini, un'imponente costruzione rinascimentale progettata da Antonio da Sangallo il Giovane nel 1538. 

 Palazzo Cervini

Abetaia del Vivo, Ponte degli Innamorati

Il fascino del luogo comunque è indiscutibile, complice il paesaggio splendido e i maestosi abeti bianchi (Abies Alba), alberi altissimi, con i piccoli aghi dalla punta arrotondata e disposti a pettine, i tipici alberi di Natale.

Strada provinciale 65, Vivo d'Orcia

A Vivo d'Orcia ce ne sono molti, sparsi tutto intorno al paese. Esistono sulla Terra dalle epoche preistoriche.

 

Palazzo Cervini

Papa Pio II Piccolomini frequentò questi posti nell’estate del 1462, quando alla ricerca di fresco si fermò per un mese sul Monte Amiata ospite dei monaci di Abbadia San Salvatore.

Poi da lì visitò molti paesi della montagna. 

"Il pontefice aveva notato quel luogo l'anno precedente e l'aveva scelto come rifugio a lui adatto per ripararsi dagli ardori estivi, poichè era amante delle selve e gli piaceva vedere i luoghi più vari... Verso la fine di Luglio fu preso dal desiderio di vedere la sorgente del celebre fiume chiamato Vivo, che si trova presso un eremo..."

                                                                    Commentarii, libro IX, anno 1462

Fiume Vivo, La Contea, Vivo d'Orcia

A Vivo d’Orcia la natura predomina e le stagioni sfoggiano tutti i loro colori.

 Via Amiata

La piazzetta 

I Sentieri dell'Acqua

Fin dal medioevo c'erano mulini, segherie e cartiere, che sfruttavano le acque che ancora oggi sgorgano abbondantemente dalla montagna. Insieme a quelle di Santa Fiora, le sorgenti del Vivo alimentano l’acquedotto che rifornisce le province di Siena, Grosseto e l’alto Lazio.

La Contea, Vivo d'Orcia

Nella parte bassa del paese, c'è un posto chiamato La Contea.

Là sembra che il tempo si sia fermato. 

 

Tutto intorno alle costruzioni antiche, il profumo del bosco e il ruscello che scorre, ci riportano ai tempi dei monaci Camaldolesi o al periodo rinascimentale, quando il cardinale Cervini trasformò il convento, ormai in decadenza, nel suo rifugio preferito.

 

Passando sotto l’arco delle mura si arriva al piccolo borgo antico.

La Contea

Secondo i documenti storici, nell'anno 1003 l'imperatore Arrigo donò questo territorio a San Romualdo, che qui fondò un eremo dedicato a San Pietro.

L’Eremo del Vivo viene citato nell’Archivio dello Spedale della Scala di Siena, come uno dei primi monasteri, a cui tutti gli altri dovevano obbedienza.

Per il buon esempio e la vita rigorosa che conducevano, i monaci ricevettero numerose donazioni di chiese e conventi, e il priore del Vivo divenne il Vicario Generale di tutti i monasteri dello Stato senese. 

 

Nel 1534 il convento fu ceduto dal papa Farnese Paolo III di Capodimonte, ai conti Cervini di Montepulciano, che ne sono ad oggi proprietari.

 

Marcello Cervini, segretario personale del papa, incaricò Antonio da Sangallo il Giovane della ristrutturazione e fortificazione del monastero. Furono ampliati gli edifici e costruiti magazzini, abitazioni e frantoi, che riportano sulla facciata lo stemma di famiglia raffigurante spighe di grano.

Oggi alcuni di questi sono diventati alloggi destinati al turismo. 

 

“Hanno trasformato questi Signori l’Eremo del Vivo, che era selvatico, in un vero giardino con fontane bellissime. Si vede ancora la chiesa antica e le celle dei monaci alle quali rendono divozione..” 

Le antiche case al borgo La Contea

 

 

Marcello Cervini, feletto papa nell'Aprile del 1555, con il nome di Marcello II. Il suo pontificato è stato uno dei più brevi della storia, solo 22 giorni. Sua sorella Cinzia Cervini, fu la madre di San Roberto Bellarmino.

Da allora l’antica pieve di San Pietro all'eremo del Vivo, prese il nome di San Marcello.

 

Dalla Contea, passando per boschi di faggi e castagneti, si possono raggiungere la prima cella originaria dell'eremo e le sorgenti dell'Ermicciolo, dove sgorga il torrente Vivo.

La campagna è bella e si presta a piacevoli passeggiate nel verde e interessanti escursioni che si possono fare seguendo i sentieri dell'acqua.

Vivo d'Orcia

 

Da Vivo d’Orcia in pochi chilometri si raggiungono la vetta del Monte Amiata e i suoi pittoreschi paesi, dall’altro lato si estendono le colline della Val d’Orcia, Patrimonio Unesco dal 2004.

Pienza, Bagno Vignoni, Montepulciano, sono raggiungibili in pochi minuti, percorrendo bellissime strade panoramiche.

 

Vivo d’Orcia è un posto da valorizzare. Un luogo ideale se amiamo la tranquillità e la natura.

Bagno Vignoni

Bagno Vignoni

Un borgo termale in Val d'Orcia

Il Monte Amiata

Il Monte Amiata

 Scopri l'Amiata e i suoi paesi

Luoghiromantici.com

Luoghiromantici.com

Informazioni per viaggiare