Settignano è un piccolo paese della prima periferia di Firenze.

Circondato dalle dolci colline toscane, nasconde le sue bellezze dietro i vecchi muri a pietra che costeggiano le vie sui pendii.

Quegli antichi muretti delimitano poderi, uliveti, campi di fiori e ville dai giardini all’italiana che affacciano su Firenze, Fiesole e i bei dintorni. 

 

Il luogo fa pensare alle immagini dei Macchiaioli, il gruppo di artisti toscani che dipingevano a macchie di colore la realtà contadina e piccolo borghese ottocentesca. E infatti Settignano è stato un luogo chiave: Telemaco Signorini, uno dei fondatori del movimento, si recava spesso lassù a dipingere dal vero.

Strada alla Capponcina, Settignano, Telemaco Signorini

I Macchiaioli dipingevano all’aria aperta, en plein air, come faranno anche gli Impressionisti francesi.  Le donne dei Macchiaioli, ritratte nella bella campagna toscana o sul mare di Versilia, Riomaggiore o Castiglioncello, sono però più popolari, meno raffinate, con i vestiti semplici e i capelli scomposti.

Piazzetta Niccolò Tommaseo, Settignano

La vita di Settignano non era certo quella effervescente di Parigie probabilmente a questo è dovuto il minor successo dei Macchiaioli, artisti che furono ancora più intensi, rivoluzionari e sentimentali dei compagni di Montmartre.

Pioggia d'estate a Settignano, Telemaco Signorini

A Settignano non c’è quasi niente da visitare, ma il bello si percepisce, è tutto intorno. E’ nella natura, nelle case e soprattutto è nella storia dei personaggi che qui sono nati o vi hanno vissuto.  

La lista dei nomi ha qualcosa di sorprendente. Tralasciando il passato etrusco e romano, possiamo iniziare dal Medioevo con il Boccaccio.

Lo scrittore, nato nell'amato e a volte da lui bistrattato Certaldo, trascorse parte della giovinezza quassù, sulle colline, dove il padre possedeva un podere.

Nel suo romanzo più celebre, il Decameron, immagina che durante le epidemie di peste, un gruppo di giovani fiorentini si rifugi in una villa della zona, passando il tempo a raccontarsi storie e cercando in questo modo di sfuggire con il pensiero alla crudezza della malattia che si diffondeva nelle città.

Via del Rossellino, Settignano

In queste colline Leonardo da Vinci faceva i suoi esperimenti all'aria aperta, a contatto con la natura, sua grande ispiratrice. Settignano poi, era il paese degli scalpellini, i lavoratori delle tante cave di pietra che hanno dato all’Italia del Rinascimento i monumenti più eccelsi. Qui si trovavano infatti numerose cave di pietraforte e pietra serena, le pietre che hanno fatto la gloria di FirenzeE molti dei più famosi artisti, sono nati proprio qui, a Settignano: Bartolomeo Ammannati, lo scultore della fontana in Piazza della Signoria, Desiderio da Settignano, con i suoi eleganti busti marmorei, Bernardo Rossellino, ideatore del borgo di Pienza, suo fratello Antonio e molti altri ancora.

Villa Gamberaia 

I Rossellino nel secolo XV abitavano a Villa Gamberaia, luogo storico che nei secoli successivi è stato impreziosito da restauri e abbellimenti. La Villa, che si trova appunto in Via del Rossellino, è visitabile al pubblico.

Anche il grande Michelangelo Buonarroti ha vissuto a Settignano. Per gran parte della sua infanzia è rimasto nel podere del padre, accudito dalla balia, che era moglie di uno scalpellino.

“Col latte tirai gli scarpelli e i' mazzuolo con cui io fo le figure"  come raccontò al Vasari all'epoca.  

In seguito, come riportano i documenti, vi acquistò due case, e per tutta la vita mantenne i contatti con alcuni aiutanti dai quali si riforniva per procurarsi le pietre più pregiate.

Via di San Romano

Scelsero Settignano come residenza anche Mark Twain, uno dei primi grandi scrittori americani, lo storico Bernard Berenson ed Edward Hutton, scrittore e critico d’arte, grande estimatore dell’Italia e delle sue bellezze naturalistiche e artistiche.

Poi ci furono gli Italiani come Niccolò Tommaseo, al quale è dedicata una statua nella piazzetta principale del paese e Aldo Palazzeschi, che a Settignano aveva la residenza di campagna.

Strada della Capponcina

Altro grande personaggio che nei primi anni del Novecento girava per queste strade è stato Gabriele D’Annunzio. Il Vate abitava nella Villa detta La Capponcina, luogo dove è rimasto per più di 12 anni, il periodo forse più felice e proficuo della sua vita.

Era così innamorato della sua casa di Settignano che volle pagare per l’affitto più di quanto gli era stato richiesto.

Proprio davanti alla Capponcina abitava poi Eleonora Duse, l’amore divinizzato del poeta e da qui sono passate molte delle Muse ispiratrici dei suoi versi.

La Capponcina, Settignano

Il figlio Gabriellino riferisce che alla Capponcina d'Annunzio scriveva tutta la notte, dormiva nel pomeriggio e poi si dedicava agli amati cani, ai cavalli e agli esercizi con i manubri, non trascurando vita mondana e belle donne.  

“Vivo qui immerso nel torpore primaverile. La vita si è fatta leggera e obliosa… sono tutto fogliuto di pensieri nuovi”

Il suo tenore di vita era assolutamente superiore alle possibilità, i debiti crescevano e nel Giugno del 1911 ci fu la grande asta pubblica della villa e degli oggetti che conteneva, evento di cui parlarono tutti i giornali dell’epoca. D’Annunzio riuscì a mantenere per sè soltanto i libri e un ritratto della madre fatto da Basilio Cascella.

Villa di Eleonora Duse, Settignano

Il poeta commenterà l'evento con queste parole: “ Mi sembra di udire le grida delle cose… E’ l’ultimo strazio. Un branco di scimmie ha distrutto quello che magari prima o poi avrei distrutto io per far largo al mio pensiero impaziente”

Nella sua ultima dimora, il Vittoriale (che ha lasciato in dono agli Italiani) ricreò in parte questa sua amata e mai dimenticata casa sulle colline di Firenze.

Oratorio della Misericordia e Chiesa di Santa Maria, Piazza Tommaseo, Settignano

Chiesa di San Martino a Mensola, alle pendici di Settignano

Settignano è sicuramente un posto da valorizzare e preservare. Potrebbe diventare la Montmartre di Firenze..

Per gli amanti del trekking è il posto ideale, la campagna è bella, gli itinerari sono molti e attraversano colline, boschi e zone delle cave.

Ponte a Mensola

Per raggiungere Settignano da Firenze dobbiamo seguire la lunga Via Gabriele d’Annunzio che sale verso Coverciano e passa proprio davanti al Centro Tecnico Federale Calcistico, il luogo di ritiro della Nazionale Italiana. L’autobus che arriva al paese è il n.10.

Se siete a Fiesole potete arrivare a Settignano percorrendo la strada che passa da Maiano, oppure scendete verso Ponte a Mensola per poi risalire verso il paese.

Uliveti a Settignano

Firenze

Firenze

Scopri la città con Luoghiromantici.com

Fiesole

Fiesole

Le informazioni in breve

In Toscana

In Toscana

Le località da vedere