Mostra contenuti secondari Nascondi contenuti secondari

 

Entrando a San Gimignano dalla porta di San Giovanni, a sud verso Siena, potremo osservare, ancora intatti, i merli e la guardiola, la torretta di avvistamento destinata alle sentinelle.

San Gimignano, panorama dall'alto di via San Giovanni

Via di San Giovanni

Proseguendo lungo la via, sulla destra vedremo i resti della chiesetta medievale di San Francesco. 

La chiesa nacque nel XIII secolo come Spedale, in seguito nel 1500 vi fu istituito un convento, che poi fu distrutto lasciando intatto solo l'esterno

La strada è fiancheggiata da botteghe di artigianato locale e vendita di prodotti tipici enogastronomici.

 San Francesco

Procedendo avanti, sulla sinistra, troviamo Palazzo Pratellesi, con finestre bifore in cotto. Dalla parte opposta c'è Palazzo Campatelli, che è visitabile ed ha al suo interno gli arredi originali ottocenteschi e una torre medievale. Poi c'è la torre dei Becci, addossata all’arco della prima cinta muraria datata 998 d.C.

La seconda cerchia di mura, quella esterna che includeva i quartieri di San Giovanni e San Matteo, fu costruita nel 1200.

Prima cinta muraria e torre dei Becci

Andando a sinistra, nel vicolo sotto l'arco delle mura, giungeremo nei pressi di un piccolo laboratorio dove abili ceramisti hanno ricostruito il modello della città secondo l'aspetto che doveva avere nel 1300. Ogni particolare è stato curato e documentato con attenzione. Ci accorgeremo che il villaggio non è molto diverso da quello attuale.

Ricostruzione di San Gimignano nel secolo XIV

Piazza della Cisterna

Tornando sulla via principale, oltrepassato l’arco ci troveremo nella bellissima Piazza della Cisterna, con un pozzo duecentesco e l’originale pendenza del terreno. Questo era il luogo del mercato e vi si tenevano feste e tornei.

In Piazza della Cisterna si trovano diverse case torri; sono quelle delle famiglie Pelloni, Lupi, Cattoni, Ardinghelli e Cetti.

La maggior parte degli edifici è del 1200. Il pavimento è in cotto disposto a spina di pesce, così come lo era in quasi tutte le piazze.

In parte è ancora quello originale.

 

Adiacente a Piazza della Cisterna troviamo Piazza del Duomo, con i bellissimi palazzi comunali, la Collegiata e le caratteristiche torri gemelle dei Salvucci, che affacciano nella Piazza delle Erbe.

Proseguendo lungo la via principale del paese, oltrepassata la prima cerchia delle mura, inizia via San Matteo. Subito a destra c'è il duecentesco palazzo della Cancelleria, poi la chiesetta di San Bartolo, presente nei documenti storici fin dal 1100.

Chiesa di San Bartolo

L'interno romanico ad un'unica navata e le pareti asimmetriche, la rendono molto suggestiva. Alcune finestrelle in basso su un lato, ricordano che l'edificio precedentemente era un ospedale che si trovava fuori dalle prime mura della città.

Arco della Cancelleria, prima cinta muraria

La via prosegue fra palazzi e case torri, fino a giungere alla porta di San Matteo verso nord.

San Gimignano

San Gimignano

La storia, le torri, i dintorni