Si trovavano nei pressi di Lucca, in Toscana, quattro strade importantissime:  l’Aurelia, la Cassia, la Clodia e la Francigena, che fin da tempi remoti, avevano fatto della città un luogo strategico per i commerci e i pellegrinaggi verso Roma.

Già nell’89 a.C., Lucca venne elevata dai Romani al rango di Municipio e dopo la decadenza dell’Impero, fu governata dai Longobardi e dalla potente Matilde di Canossa, la feudataria  che fu una delle figure più importanti del medioevo italiano. 

 

Nel 1119 la città si costituì a libero comune e iniziò un fiorente periodo di commerci e scambi con i paesi europei, ai quali Lucca vendeva la seta e le sue preziose stoffe decorate.

Ad eccezione di brevi periodi di signorie fra le quali quella di Uguccione della Faggiola, signore di Pisa, e dei Guinigi,

Lucca è stata una repubblica indipendente e oligarchica fino al 1799.

Da allora divenne un principato ad opera di Napoleone Bonaparte, che la affidò al governo della sorella Elisa insieme al marito Felice Baciocchi. 

 

I Baciocchi governarono Lucca fino al 1805 dando alla città una notevole prosperità economica. Lo stesso fecero i Borbone, in seguito, con ulteriori trent'anni di governo.

Forte della sua indipendenza che si era protratta per secoli, la città rifiutò i Tribunali dell’Inquisizione e promosse la libertà di stampa diventando uno dei centri editoriali più importanti del 1700.

Fu unita al resto della Toscana nel 1847 ed entrò a far parte del Regno d'Italia il 15 marzo 1860.

Lucca in breve

Lucca in breve

Le informazioni per visitare la città