Mostra contenuti secondari Nascondi contenuti secondari

La Basilica, i capolavori

La Basilica di Santa Maria Novella a Firenze venne iniziata nel 1279 su disegno dei frati domenicani Sisto e Ristoro ed è un capolavoro dell'architettura romanico-gotica.

Negli anni successivi, i frati Giovanni da Campi, Jacopo PassavantiJacopo Talenti, continuarono nella progettazione della chiesa, i cui lavori furono finanziati grazie all'aiuto di facoltose famiglie fiorentine e della Repubblica di Firenze.

La costruzione fu terminata nel 1357.

 

Piazza Santa Maria Novella

Fra' Jacopo Talenti, in virtù della sua fama di abile scalpellino e architetto, partecipò anche alla supervisione della costruzione della Cattedrale di Santa Maria del Fiore, che era in costruzione nello stesso momento storico. A lui si devono attribuire le opere di intaglio dei capitelli, delle sculture e gli ornamenti di molti monumenti di Firenze.

 

La splendida facciata in marmo di Santa Maria Novella fu completata da Leon Battista Alberti nel 1470. Gli fu commissionata da Giovanni Paolo Rucellai, che per questo motivo fece mettere sul davanti lo stemma di famiglia e l'emblema personale.

L'Alberti ideò le due grandi volute della parte superiore, creando un insieme di grande armonia e bellezza. 

Michelangelo, che amava questa chiesa, la chiamava “la mia sposa”.

Santa Maria Novella

All'interno della Basilica, nella navata centrale, si trova il Crocifisso di Giotto, opera giovanile del grande artista toscano.

Fra i tanti capolavori presenti ci sono la Trinità del Masaccio, affreschi del Ghirlandaio e di Paolo Uccello, un Crocifisso in legno di Brunelleschi e uno in bronzo del Giambologna.

Fanno parte della chiesa il Chiostro Verde e il Cappellone degli Spagnoli, luogo dove si riuniva la corte spagnola al seguito di Eleonora da Toledo, moglie di Cosimo I de' Medici.

Questa sala capitolare è interamente affrescata dall'allievo di Giotto, Andrea Bonaiuti, conosciuto come Andrea da Firenze.

L'Officina Profumo di Santa Maria Novella

L'Officina Profumo di Santa Maria Novella

Antica Spezieria di Santa Maria Novella 

Sul Chiostro affacciano i locali dell'Officina Profumo di Santa Maria Novella, l'antica Spezieria dei frati.

 

Si tratta della farmacia più antica d'Europa. Nacque nel 1221, quando i monaci domenicani coltivavano nei loro orti le erbe officinali usate per preparare i medicamenti per il convento.

La fama dei loro prodotti ebbe un così grande successo che nel 1612 la farmacia aprì al pubblico con l'onore del Granduca di Toscana.

Oggi si vendono essenzialmente prodotti di erboristeria, nella meravigliosa cornice degli interni del XVII e XVIII secolo.

I prodotti sono realizzati con procedimenti artigianali seguendo le ricette originali.

Fra le essenze più famose c'è l'Acqua di Santa Maria Novella o Acqua della Regina, un profumo creato dai frati nel 1533 su commissione di Caterina de' Medici. Lo portò in Francia in occasione delle nozze con Enrico di Valois.

L'ingresso alla Spezieria è da Via della Scala n.16.

La piazza

La piazza

 

 

Fin dal Medioevo in piazza Santa Maria Novella si facevano giochi e giostre. Nel 1563 Cosimo I istituì il Palio dei Cocchi, la corsa dei carri il cui tracciato fu delineato dagli obelischi con le tartarughe del Giambolognaancora presenti al centro. 

Nel lato opposto alla Basilica si trova un antico ospizio per pellegrini divenuto poi ospedale; antistante c'è la quattrocentesca Loggia di San Paolo, decorata da terracotte dei Della Robbia.

Il palazzo è sede museale.

 

 

Santa Maria Novella è un luogo animato e vivace, con eleganti palazzi ottocenteschi a far da corona a questa bella piazza del centro, confinante con l'omonima stazione ferroviaria e molto vicina alla Piazza del Duomo.

 

 

Santa Maria Novella è un luogo da vedere se siamo a Firenze.

Palazzo Pitti

Palazzo Pitti

La storia, le famiglie

Santa Maria del Fiore

Santa Maria del Fiore

I monumenti in breve

Firenze

Firenze

Informazioni essenziali per visitare la città