L'affascinante cittadina di Fiesole si trova poco distante da Firenze, nella bella campagna disseminata di cipressi e ulivi.

Quando il capoluogo toscano non era che una serie di piccole casupole nei pressi dell'Arno, lassù, sulle dolci colline circondata da mura possenti, sorgeva una grandiosa città.

Fiesole, che allora si chiamava Visul; era abitata fin dal Neolitico e con gli Etruschi divenne un'esemplare città-stato.

Il Teatro Romano

I resti di terme, di un tempio e un grandioso teatro che si affaccia sul versante orientale della collina, ci ricordano l'importanza che la cittadina ebbe nell'antichità. Nel IV secolo a.C. era una delle città più potenti d'Italia. Alleata di Roma, prese in seguito il nome di Fesulae e si dotò del grande Teatro, che era capace di ospitare fino a 3000 spettatori.

Insieme ai teatri riemersi dagli scavi di Pompei, quello di Fiesole è uno dei teatri romani più antichi esistenti. Fu costruito al tempo di Silla e ingrandito da Claudio e Settimio Severo.

La costruzione si ispira ai modelli greci, con l'aggiunta di loggiati e proscenio. La zona per l'orchestra era pavimentata a mosaico.

Ancora oggi il Teatro di Fiesole viene utilizzato per concerti e spettacoli dell’Estate Fiesolana.

 

La strada per raggiungere Fiesole dal centro di Firenze attraversa una zona residenziale punteggiata dalle tipiche ville fiorentine rinascimentali. Fra queste c'è Villa Belcanto, una delle storiche Ville Unesco della famiglia Medici.

In questa antica dimora, il cui giardino è visitabile su prenotazione, si riunivano Lorenzo il Magnifico, il Poliziano e gli artisti padri dell’Umanesimo.

 

Al centro del paese, in Piazza Mino da Fiesole, c’è la cattedrale romanica dedicata a S.Romolo: dall’anno 1000 prese il posto della precedente Badia Fiesolana, subito fuori dal borgo.

Il monumento equestre al centro della Piazza è dedicato all’incontro fra Garibaldi e il re Vittorio Emanuele II. Fu realizzato da Oreste Calzolari nel 1906.

 

In posizione sopraelevata c'è il Palazzo Comunale con una graziosa facciata composta da un portico sormontato da una loggia. A fianco si trova la Chiesa di Santa Maria Primerana, con decorazioni a graffito e un aspetto tipicamente cinquecentesco.

 

Le origini alto medievali della Cattedrale di San Romolo sono apprezzabili soprattutto all'interno, dove si conservano la cripta e preziose opere d'arte.

La facciata fu ricostruita nel 1800.

Duomo di San Romolo, Fiesole

 

Prendendo la strada pedonale che sale al fianco del duomo, possiamo raggiungere il Convento di San Francesco

La fatica di arrivare fin lassù sarà ripagata da una vista impareggiabile sull'intera città di Firenze.

 

Questa vecchia strada porta dove un tempo c'era l'acropoli dell'antica Visul.

Sui resti etruschi furono poi costruiti una badia francescana e il monastero, che venne fondato nel 1399 dal frate Giovanni Vici da Stroncone.

Nel 1418 San Bernardino da Siena divenne il guardiano del convento di Fiesole. La sua cella è visitabile nella parte più antica.

 

All'interno della chiesetta si conservano un trittico di Bicci di Lorenzo e la Santissima Concezione di Piero di Cosimo.

Chiesa di San Francesco

Ex Basilica di Sant'Alessandro, Fiesole

I numerosi oggetti ritrovati nell'area di Fiesole si possono osservare nei musei della cittadina: da reperti di epoca villanoviana, romana ed etrusca, a dipinti e opere realizzati nel Medioevo.

Il Museo Archeologico fu edificato nell'Ottocento e conserva i reperti emersi dagli scavi e numerose opere d'arte provenienti da altre parti del mondo. Molte furono donate da collezionisti e antiquari che erano rimasti affascinati da Fiesole, nota meta del Grand Tour.

Piazza Mino da Fiesole

 

 Le colline dei dintorni sono state fonte di ispirazione per numerosi pittori e poeti.

"Fresche le mie parole ne la sera, ti sian come il fruscio che fan le foglie..."

 Questi i versi d'inizio de La sera fiesolana, poesia scritta da Gabriele d'Annunzio nel Giugno del 1899. Il Vate descrive l'incanto dell'ora che precede la notte ammirando il panorama dalle colline di Fiesole, luogo che ha frequentato a lungo e dove ha risieduto stabilmente nella Villa detta La Capponcina, a Settignano, 6 chilometri da qui.

 

Panorama su Firenze da Fiesole

Queste sono anche le zone dove furono ambientate le novelle del Decameron, il capolavoro del Boccaccio. Il grande scrittore era nato a Certaldo, un delizioso borgo medievale che è possibile raggiungere in circa un'ora da qui.

 

Se amate gli scenari da romantica campagna toscana, quella celebrata da film come Camera con vista e Un tè con Mussolini, se siete a Firenze e avete del tempo a disposizione, una visita a Fiesole è consigliabile.

Potete mangiare in uno dei numerosi ristorantini, visitare i musei e conoscere la vita di una tranquilla e tipica cittadina toscana di impronta ottocentesca.

 

Piazza Mino, Fiesole

Firenze

Firenze

Le informazioni per conoscere la città

In Toscana

In Toscana

I luoghi più belli

Luoghiromantici.com

Luoghiromantici.com

Idee per viaggiare