Parigi è ritenuta uno dei luoghi più romantici al mondo. 

Una passeggiata serale nei pressi della Torre Eiffel, o lungo la Senna, con l'Île de la Cité a fare da sfondo, ce ne daranno la prova.

 Le forme sinuose dell'Art Nouveau nelle stazioni della metropolitana di Parigi

 

L'impronta architettonica della città è in stile Art Nouveau e Déco.

Nella seconda metà del 1800 e nei primi decenni del 1900, Parigi subì grandi cambiamenti che ne fecero un luogo icona della Belle Époque.

 Il ponte Alexandre III realizzato dal 1896 al 1900, è considerato il più bello di Parigi

 

La città divenne il sogno di intere generazioni di artisti, letterati e bohémien.

Furono le Esposizioni Universali dell'epoca a dare il via ai cambiamenti, ma soprattutto fu lo zelo dell'Imperatore Napoleone III, nipote del Bonaparte, che intese migliorare le condizioni di vita dei Parigini, fino ad allora costretti in quartieri sovraffollati e malsani. 

Per portare a compimento il progetto fu scelto il prefetto del dipartimento della Senna, George Eugéne Haussmann.

 Avenues des Champs-Elysées

 

L'Avenues des Champs-Elysées, già esistente dal 1600, si trovava in una zona di aperta campagna, piena di teatri e circhi ambulanti, ed era un luogo quasi malfamato.

Venne riordinata dall'ingegnere Alphan su incarico di Haussmann, il quale dette il via per la costruzione di palazzi liberty e caffè concerto.

 

Secondo un censimento ufficiale, nel 1670 in Parigi e sobborghi esistevano 1847 locali, dalle semplici bettole ai più lussuosi cabaret. Ancora oggi i viali della città sono caratterizzati da centinaia di bistrotche con le loro tende rosse ravvivano le facciate degli austeri palazzi.

 La Cattedrale di Notre Dame

 

Ma Parigi non è solo quella dei grandi boulevards, è anche la medievale della Sorbona e di Notre Dame, la sfarzosa del Re Sole e dell'Ancien Régime, la romantica degli Impressionisti e quella libertina di Toulouse-Lautrec e Picasso.

I luoghi da vedere sono molti.

 Île de la Cité

 

La nostra visita potrebbe iniziare dall'Île de la Cité, l'isola al centro della Senna dove si trovano gli edifici più antichi come la Cattedrale di Notre Dame e la Sacra Cappella.

L'Île de la Cité è uno dei luoghi più romantici di Parigi.

 

Île de la Cité: itinerario nel cuore della città

 La riva destra della Senna con il Louvre vista  dall'Île de la Cité

 

Nel Medioevo al di là del fiume si trovava la fortezza del Louvre. Fu costruita dal re Filippo Augusto allo scopo di custodire  il tesoro reale e difendere Parigi dagli attacchi degli eserciti nemici.

Nel 1564 la regina Caterina dei Medici, moglie di Enrico II, fece costruire al lato della fortezza, un castello con grandi giardini aperti sulla campagna, il castello delle Toulieres.

 Il museo del Louvre e il castello delle Toulieres

 

Successivamente il re Enrico IV, nipote di Caterina, unificò i due palazzi costruendo grandi e piccole gallerie di congiungimento.

Il Louvre unito alle Toulieres divenne il palazzo reale fino al 1682, quando i Borbone con Luigi XIV preferirono trasferirsi a Versailles.

Il Louvre, con il suo immenso patrimonio artistico, è il museo più visitato al mondo.

La grande piramide di vetro progettata dall'architetto Ieoh Ming Pei e inaugurata nel 1989, ospita l'ingresso principale al museo. Nei sotterranei, il Carrousel du Louvre, è un grande spazio commerciale con negozi, bar e ristoranti.

Il Palais- Royal 

 

All'esterno dei padiglioni, dalla parte opposta al fiume, si trova il Palais-Royal, nella piazza omonima.

Appartenuto inizialmente al cardinale Richelieu, fu in seguito la dimora degli Orléans, ramo cadetto dei Valois, che ne rimasero in possesso fino al 1848. Il Re Sole vi ha vissuto da bambino.

Oggi è la sede di diversi uffici del governo francese ed ha all'interno giardini curatissimi con ristoranti storici e gallerie d'arte.

La Torre Eiffel illuminata vista dal Trocadero

 

Fra i monumenti rappresentativi di Parigi il posto d'onore spetta alla Tour Eiffel, la cui sagoma esile svetta sui tetti grigi di ardesia e zinco.

Nata per fare da edificio mascotte all'Esposizione Universale del 1889, doveva essere smantellata dopo l'evento. E' diventata oggi l'emblema di Parigi, tanto che non si potrebbe immaginare la città senza di essa.

Palais du Luxembourg

 

Per chi volesse fare una pausa pic-nic da vero Parigino, può visitare il Giardino di Lussemburgo, nel quartiere omonimo di Luxembourg.

Anche questo, come il castello delle Toulieres, fu voluto da una regina italiana, Maria dei Medici.

 Parc Monceau

 

Un piccolo gioiello nascosto nell' XVII arrondissement è il Parc Monceau.

Notevolmente ridotto dagli interventi di Haussmann, il parco fu il preferito dalla nobiltà parigina del 1700, fino al periodo della Rivoluzione francese.

Fu voluto dal duca di Chartres, Luigi Filippo II di Borbone-Orléans, che volle creare un giardino ideale secondo la moda inglese del tempo. Alberi secolari, un laghetto delimitato da colonne corinzie e ponticelli in stile veneziano, adornano questo tranquillo angolo di Parigi. Notevoli sono i palazzi che lo circondano, rappresentativi della Belle Epoque con gli interni ancora originali.

 Place des Vosges

 

Altro luogo ricco di storia è la Place des Voges nel quartiere Marais.

La zona era abitata dall'aristocrazia parigina e fu completamente abbandonata durante la Rivoluzione francese.

Nella piazzetta, perfettamente simmetrica, una serie di deliziosi palazzi formano un riquadro con al centro i giardini.

Al numero 6 si trova la casa del grande scrittore francese Victor Hugo, che visse qui per 16 anni. Oggi è un museo a lui dedicato e vi si tengono mostre temporanee.

Poco distante c'è la casa di nascita di Madame Sevigné, la baronessa che ci ha lasciato dettagliate descrizioni delle giornate trascorse alla corte di Versailles.

 

Un luogo da vedere è poi Montmartre, con la sua collina della Butte.

Amata dai maggiori artisti di più di due secoli di storia, ha visto nascere e ispirato correnti pittoriche e letterarie. Ha ospitato pittori come Renoir, Van Gogh, Picasso,Utrillo e Modigliani.

Ancora oggi, nonostante la massiccia presenza di turisti e venditori di souvenir, nelle sue semplici casette si può intuire il fascino del luogo dal quale si domina tutta Parigi.

 

Visitare la città di Parigi è semplice grazie ai rapidi e puntuali collegamenti di metropolitane e RER, la rete di treni ad alta velocità sotterranea. Utilissimi sono gli abbonamenti giornalieri comprensivi di pass per tram, metro, treni e funicolare di Montmartre.

Un modo comodo e piacevole per raggiungere i vari quartieri è anche quello di camminare lungo i quais, le piattaforme lungo la Senna sempre frequentate da sportivi e gente a passeggio.

Lungo i quais troveremo anche numerosi punti di approdo per romantiche gite sul fiume.

Le rive della Senna fanno parte del patrimonio dell'Unesco dal 1991.

 

Luoghiromantici.com

Luoghiromantici.com

Idee e informazioni per viaggiare