La città di Palermo, capoluogo della Sicilia, racchiude tesori unici del patrimonio storico mondiale.

I numerosi popoli che hanno abitato e amato questa città, hanno lasciato tracce dappertutto, dando origine a un’architettura peculiare caratterizzata dalla mescolanza di stili e presente solo qui.

Il Cassaro nei pressi di Porta Nuova

 

Una passeggiata lungo il Cassaro, oggi Corso Vittorio Emanuele, da Porta Nuova a Porta San Felice, ci mostrerà i vari aspetti della storia di questa intensa città e delle civiltà che ne fecero il loro posto privilegiato di permanenza.

 

Gli eventi principali nella storia di Palermo 

Il Palazzo dei Normanni da Corso Re Ruggero e Piazza Indipendenza

 

Partendo dalla Porta Nuova, subito  a fianco troviamo il Palazzo dei Normanni, uno dei più antichi palazzi reali del mondo. Costruito inizialmente dai Fenici, fu abitato dai re Normanni di Sicilia, fra i quali Federico II, l’Imperatore saggio e illuminato che favorì la Scuola Poetica Siciliana, madre del sonetto e della letteratura italiana in volgare.

All’interno del Palazzo, la Cappella Palatina sorprende per la bellezza dei mosaici dorati ad uso bizantino.

L'esterno è spiccatamente arabo, impreziosito da merlature e finte arcate a sesto acuto.

I giardini di Villa Bonanno

 

Proseguendo lungo il Corso, dalla Piazza del Parlamento attraverseremo i bei palmeti del parco di Villa Bonanno, in Piazza Vittoria.

I giardini a Palermo sono esotici e rigogliosi, complice un clima mite e adatto alla crescita delle piante. 

La Cattedrale di Palermo

 

In breve ci troveremo davanti alla maestosa Cattedrale, che rappresenta una perfetta sintesi degli stili architettonici tipici delle civiltà succedutesi a Palermo.

All’interno si trovano le tombe delle regine e dei re Normanni e le spoglie di Santa Rosalia, la patrona della città.

La festa di Santa Rosalia a Palermo

 

Continuando lungo il Corso potremo concederci una pausa per visitare i negozietti tipici o per gustare le arancine di riso e i cannoli alla ricotta, prelibatezze di Sicilia.

Piazza Villena

 

A metà Cassaro troveremo la Piazza Villena o Vigliena, detta anche Quattro Canti per le facciate barocche dei quattro palazzi disposti obliquamente a formare una specie di palcoscenico.

La piazza è nota anche con il nome di Teatro del Sole, perché ad ogni ora della giornata se ne illumina una parte.

Fu costruita agli inizi del 1600 per omaggiare il Vicerè spagnolo, marchese Juan Fernandez de Villena.

Di sera, illuminata dalla luce gialla dei lampioni, è molto suggestiva.

Quattro Canti e chiesa di San Giuseppe dei Teatini

 

 

Nei dintorni  le cose da vedere sono molte: la bellissima chiesa barocca di San Giuseppe dei Teatini proprio ai Quattro Canti, il Palazzo delle Aquile, sede del municipio di Palermo, la Fontana Pretoria dietro l'angolo, la Piazza Bellini sul retro. 

Fontana Pretoria, detta "della Vergogna"

San Cataldo e La Martorana in Piazza Bellini

 

In Piazza Bellini si trovano la Chiesa di San Cataldo e quella di Santa Maria dell’Ammiraglio, più nota come Martorana.

Entrambi gli edifici sono splendidi esempi dello stile arabo-normanno e appartengono al Patrimonio dell'Umanità dal Luglio 2015, insieme alle Cattedrali di Palermo, Monreale e Cefalù

 

 

San Cataldo, Martorana e S.Giovanni degli Eremiti, monumenti Unesco 2015

Via Maqueda

 

Tornando ai Quattro Canti possiamo decidere di percorrere la seicentesca Via Maqueda, in modo da raggiungere il più grande teatro italiano, il Teatro Massimo.

Il Massimo fu progettato nel XIX secolo dall’architetto del Liberty Giovan Battista Filippo Basile

Teatro Massimo, Palermo

 

La piazza, sempre molto animata, è bellissima.

Ci sono i chioschetti liberty in ferro battuto e ghisa, grandi alberi di ficus e lo splendido teatro che sembra un tempio dell'antichità.

 

Piazza Marina, Giardino di Villa Garibaldi

 

Sempre dai Quattro Canti possiamo proseguire sul Corso per arrivare al porto e a Piazza Marina. 

Lì si trova un giardino dedicato a Giuseppe Garibaldi, anche questo realizzato dal Basile. All’interno del parco, sono da vedere gli esemplari secolari di Ficus Magnolia

Palazzo Butera 

 

Al finale della via, a fianco della Porta Felice, una scalinata conduce sulle mura, lungo la Passeggiata delle Cattive, intese come le prigioniere in quanto vedove di guerra.

Subito a destra c’è Palazzo Butera, sede di grandiosi ricevimenti durante la Bella Époque ad opera del principe Ercole Michele Branciforte di Butera.  

L’edificio ha ospitato nei secoli numerosi sovrani e personaggi illustri come il Goethe, che alloggiò nella parte allora adibita ad hotel.

 

"Ci hanno condotti in città per Porta Felice, la porta meravigliosa, composta di due pilastri enormi, che sopra non deve essere chiusa, affinchè, nella   celebre festa di Santa Rosalia, possa passarvi il carro della Santa, alto come una torre. E, subito dopo, abbiamo trovato un grande albergo a sinistra... L'albergatore ci accompagnò in una grande camera munita di un balcone dal quale vedemmo il mare e la rada, il monte di Santa Rosalia e la spiaggia...

Un appartamento così sontuoso ci mise in un certo imbarazzo...

La sera il chiaro di luna ci ha nuovamente attirati alla rada e. al ritorno, ci ha trattenuti ancora lungamente al balcone. L'illuminazione era meravigliosa, e grande la quiete ed il riposo"

 

                                da Viaggio in Italia di Johann Wolfgang Goethe

Cassaro, Palermo

 

Il Cassaro è stato da sempre il luogo del passeggio in città. Le suore della Martorana, famose per i dolci a forma di frutta, si erano fatte costruire un passaggio sotterraneo che da piazza Bellini portava ad una scala a chiocciola di Palazzo Guggino ai Quattro Canti; da lassù esse potevano osservare indisturbate le processioni e le parate di carrozze aristocratiche che transitavano fra lanci di fiori e confetti.

Mercato di Ballarò

 

La storia di Palermo è appassionante. Perfino i mercati hanno tradizioni da raccontare: il mercato di Ballarò, la Vucciria, il Capo, hanno origini secolari che li fanno risalire ai suq arabi.

I vividi colori e le voci urlanti dei venditori ambulanti contribuiscono a conferirgli un’aria sempre molto pittoresca e vitale.

Negozi tipici al Cassaro, Via Vittorio Emanuele

Luoghiromantici.com

Luoghiromantici.com

Idee per viaggiare